NOVENA DI NATALE 2018

Continua la Novena di Natale. Pur non essendo “preghiera ufficiale” della Chiesa, essa costituisce un momento molto significativo nella vita delle nostre comunità cristiane. Quelli della Novena di Natale sono giorni di stupore. È lo stupore della Chiesa che attende il compimento della promessa di Dio: “La vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele”.

Le profezie della nascita di Gesù furono tratte da brani dell’Antico Testamento e in particolar modo dal libro del profeta Isaia. In esse è espresso non solo il profondo desiderio messianico dell’Antico Testamento con il desiderio che Dio si faccia presente sulla terra, ma in modo espressivo viene cantata la supplica per la venuta di Gesù, l’eterno Presente nella storia degli uomini. Varie sono le metafore che alimentano la gioia dell’attesa nella Novena: Gesù verrà come luce, come pace, come rugiada, come dolcezza, come novità, come Re potente, come dominatore universale, come bambino, come Signore giusto. La Novena vuole suscitare un particolare atteggiamento nel cuore dei credenti: sostare dinanzi al Signore per contemplarne la venuta, come i vari personaggi di cui sentiremo raccontare nei testi dei Vangeli dei prossimi giorni:

  • Lunedì 17 dicembre“Gesù, figlio di Davide, figlio di Abramo”
  • Martedì 18 dicembre“Giuseppe, sposo di Maria, uomo giusto”
  • Mercoledì 19 dicembre“Zaccaria, sacerdote della classe di Abia”
  • Giovedì 20 dicembre“L’angelo Gabriele, mandato da Dio a una vergine”
  • Venerdì 21 dicembre“Elisabetta, con il bambino che sussultò nel suo grembo”
  • Sabato 22 e domenica 23 dicembre“Maria, benedetta fra le donne”

L’appuntamento della Novena, che nelle nostre comunità è particolarmente sentito e partecipato alla sera con la S. Messa delle 18.30 a S. Martino. Prendiamoci tutti l’impegno in questi giorni della Novena a partecipare alla S. Messa nelle nostre comunità, in ascolto del Signore che c’invita a preparare il suo Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.